Innovazioni introdotte nel 2014
ModeSt 8.6
Le novità più importanti introdotte in questa versione riguardano in particolare:

• La progettazione automatica, la creazione dei disegni e la verifica di strutture in muratura armata.
• Una profonda revisione delle procedure di verifica delle strutture in muratura ordinaria. Non è più necessario avere una mesh regolare perché il programma individua i maschi murari con sofisticate procedure geometriche. Diventa quindi molto più agevole la modellazione di strutture con aperture o non regolari. La necessaria regolarità della mesh imponeva la suddivisione in "fasce" che poi il programma avrebbe individuato come maschi murari. Queste suddivisioni preventive non sono più necessarie e nuovi comandi aiutano nell'inserimento di elementi bidimensionali specialmente nel caso in cui si abbia il DXF/DWG tridimensionale della struttura. Con le nuove procedure, che utilizzano per il calcolo delle sollecitazioni le integrazioni su linea anziché sul piano, è possibile anche estendere le verifiche agli elementi di timpano sottotetto. La rappresentazione grafica dei maschi murari è stata inoltre migliorata e resa indipendente dagli elementi bidimensionali.

Altre implementazioni

• Nuovo comando per l'inserimento automatico di un elemento bidimensionale all'interno di un perimetro definito da aste.
• Nuovi comandi di selezione: inversione della selezione e selezione di elementi interni ad un perimetro definito da aste.
• Possibilità in progettazione interattiva dei pilastri di estendere sia l'armatura verticale sia la staffatura di una zona in tutta la pilastrata. Molto utile nell'inserimento delle armature in edifici esistenti, spesso armati in modo uniforme.
• Nella progettazione interattiva dell'armatura delle travi è stata modificata la procedura per l'assegnazione delle staffe alle travi a T e a L.
• Nuovi criteri per le aste in acciaio e in legno per una migliore gestione delle modalità di calcolo e di controllo delle frecce.
• Abilitazione dei tasti funzione F9 e F10 per aumentare o diminuire rapidamente la scatola di visualizzazione (BOX) mantenendo invariato il fattore di zoom e restando nella stessa zona di struttura.
• Abilitazione dei tasti funzione F11 e F12 per passare rapidamente dalla visualizzazione di un impalcato ad un altro mantenendo invariato il fattore di zoom e restando nella stessa zona di struttura.
• Aggiunto nell'archivio Profilumbra.sez le sezioni di tipo ORP EV prodotte dall'azienda Profilumbra S.p.A.

ModeSt 8.5
Le novità più importanti introdotte in questa versione riguardano in particolare:

• Possibilità di verificare le aste in acciaio in conformità alla normativa EUROCODICE 3.
• Possibilità di determinare i modi di vibrare della struttura con il metodo di Ritz-vectors che, rispetto al metodo degli autovalori, presenta il vantaggio di poter estrarre i modi principali della struttura molto più rapidamente evitando l'estrazione di modi "locali" che interessano solo parte della struttura.
• Possibilità di definire gli incastri parziali all'estremità delle aste specificando per My e Mz valori compresi tra 0 e 1.

Altre implementazioni

• Possibilità di inserire una struttura in quella corrente.
• Nel modulo per la progettazione dei collegamenti delle strutture intelaiate in acciaio è stata introdotta la possibilità di utilizzare una mensola per il rinforzo della piastra inferiore delle flange estese superiormente e inferiormente o solo estese inferiormente.
• Nel progetto dell'armatura dei solai è possibile riportare il disegno dell'esploso dei ferri relativi agli schemi dei solai progettati lateralmente alla carpenteria di piano.
• Sono state eliminate tutte le doppie sezioni relative al materiale consolidato nei criteri di progetto delle murature per uniformare la verifica delle murature agli standard utilizzati anche in altri ambiti dal programma.

ModeSt 8.4
Le novità più importanti introdotte in questa versione riguardano l'interoperabilitÓ con altri software ed in particolare:

• Possibilità di visualizzare lo stato delle verifiche mediante la colorazione degli elementi in modo da individuare rapidamente se l'elemento è progettato, non progettato, non progettabile, da riverificare o non riverificabile.
• Possibilità di visualizzare in modellazione le armature, i collegamenti degli elementi in acciaio e i rinforzi delle strutture esistenti.
• Possibilità di esportare nel formato IFC le armature, i collegamenti degli elementi in acciaio e i rinforzi delle strutture esistenti. Si ricorda che il formato IFC è il formato di scambio dati preferenziale per il mondo della progettazione BIM e che progettare in modalità BIM significa poter comunicare il proprio progetto e tutti i dati in esso contenuti con colleghi e partner che usano altri software.
• Possibilità di utilizzare una nuova tecnica per lo scambio dei dati con il solutore SAP2000 che oltre ad eliminare i limiti attuali e velocizzare notevolmente il calcolo, consentirà di utilizzare anche le versioni a partire dalla 16 (questa nuova tecnica è comunque utilizzabile anche con la versione 14.2.4).
• Possibilità di importare le strutture da Revit 2014.

Altre implementazioni

• Possibilità di verificare gli interventi di rinforzo di strutture esistenti con materiali compositi FRP anche per le travi con sezione a T e a L.
• Possibilità di effettuare la progettazione a taglio dei nuclei con il metodo del traliccio ad inclinazione variabile, che consente una drastica riduzione della staffatura.
• Possibilità di scaricare e installare automaticamente le eventuali modifiche apportate alla versione di ModeSt utilizzata.