Innovazioni introdotte nel 2019
ModeSt 8.19
Le novità più importanti introdotte in questa versione riguardano in particolare:

• Progetto automatico ed interattivo dell'armatura di solette/platee che giacciono su piani inclinati.
Modifica interattiva dell'armatura a punzonamento di solette/platee che consente di modificare quella progettata automaticamente e di aggiungerla anche in corrispondenza di pilastri che teoricamente non ne necessitano.
• Progetto automatico dei collegamenti delle reticolari in acciaio completamente saldate, con profili singoli a doppio T (IPE o HE) e con profili tubolari rettangolari cavi (RHS).
Verifica delle aste in acciaio con sezione di forma generica.
• Introdotta la possibilità di applicare l'indicazione del par. 7.4.4.3.1 della Circolare esplicativa n. 7 del 21/01/19 nella verifica dei nodi trave-pilastro: "Le verifiche di resistenza dei nodi indicate nel presente paragrafo si applicano a strutture in CD "A" e, limitatamente ai nodi non interamente confinati, in CD "B". Esse non si applicano alle strutture non dissipative.".
• È stata modificata l'analisi pushover delle strutture in muratura sia nuove che esistenti per tenere conto delle modifiche introdotte dalla Circolare sulla ricerca dei diversi stati limite. La modifica più significativa introdotta è stata quella di considerare l'SLV pari ai 3/4 di SLC, mentre prima i due stati limite coincidevano. Questo può influire notevolmente su gli Indici di sicurezza e quindi sulla Classe di Rischio.

Altre implementazioni

• Migliorata notevolmente la gestione dei fili fissi e degli scostamenti dai fili fissi di travi e pilastri nell'importazione della struttura mediante link diretto da Revit.
• È stata introdotta la possibilità di esportare la struttura mediante link diretto per Revit. La procedura, da integrare all'interno di Revit, consente di importare in Revit una struttura creata o modificata con ModeSt in modo da generare o aggiornare automaticamente il modello di Revit. È possibile importare in Revit i dati relativi agli impalcati e alle travi e ai pilastri con qualunque tipo di sezione, rotazione, filo fisso e scostamenti dal filo fisso.
• Nell'esportazione delle immagini è stata aggiunta la possibilità di visualizzare l'elenco delle immagini salvate e cliccando su un nome dell'elenco visualizzarne l'anteprima.
• Nella creazione della relazione di calcolo è stata aggiunta l'opzione che permette di ridurre il numero di elementi riportati nella tabella delle tensioni negli elementi bidimensionali in quanto, per ogni elemento bidimensionale con lo stesso numero, viene stampato soltanto in quale nodo ed in quale CC o CCE si ha il valore massimo e minimo della tensione.
• Nella creazione della relazione di calcolo è stata aggiunta la possibilità di inserire delle introduzioni personalizzate ai vari capitoli. Eventualmente è possibile personalizzare ulteriormente le introduzioni modificando i file forniti con l'installazione del programma.
• Introdotta la possibilità di selezionare gli elementi della struttura anche dal pannello delle colorazioni mediante il tasto destro del mouse sul nome dell'attributo (utile ad esempio per selezionare le aste con una determinata sezione).
• Implementato il calcolo delle strutture anche con la versione 21 del solutore SAP2000, sia a 32 che a 64 bit.